Tourrettes-sur-Loup, il “paese delle viole” in Provenza

Tourrettes-sur-Loup, il “paese delle viole” in Provenza

Provenza: ciò che amiamo è una continua scoperta

Nei viaggi, come nella vita, più sai e più sai di non sapere. Ok, la metafora può sembrare ardita, ma pensateci: quando vi appassionate a un argomento, più vi addentrate nella sua conoscenza e più vi rendete conto di quante cose ancora non ne sapete e di quanto ancora dovete approfondire. Lo stesso vale per i luoghi: più conoscete un territorio, ve ne appassionate, lo amate, più cose vi rendete conto che avete ancora da scoprire di quel luogo, cose che ancora non avete visto o conosciuto. Potenzialmente, non si finirebbe mai di scoprire qualcosa che ci appassiona – che sia un luogo, un argomento o una persona. Ciò che amiamo è una continua scoperta. Così è per me il sud della Francia: ci vado quasi ogni anno, e inutile dire che lo adoro.
Provenza, Costa Azzurra, Camargue sono regioni stupende che meritano di essere esplorate a fondo.

Il borgo di Tourrettes-sur-Loup
Vista sul borgo di Tourrettes-sur-Loup

Tourrettes-sur-Loup, il “paese delle viole”

Amo i piccoli borghi provenzali: ognuno di essi è una nuova meravigliosa scoperta. Quest’anno ho avuto modo di visitarne uno davvero particolare: Tourrettes sur-Loup, detto il “paese delle viole”.

Tourrettes-sur-Loup Provenza
Vicoli di Tourrettes-sur-Loup

La violetta è il fiore simbolo del paese dalla fine del 1800, e la sua coltivazione va da ottobre e marzo. Viene poi utilizzata in pasticceria e in profumeria, in particolare negli stabilimenti della vicina città di Grasse, fulcro della profumeria francese.
Se volete conoscere più a fondo i segreti della coltivazione della violetta, potete visitare la Bastide aux Violettes, uno spazio espositivo interamente dedicato alla violetta e ai segreti della sua coltivazione.

Nel cuore della Provenza, tra Nizza e Saint Paul de Vence

Tourrettes sur-Loup sorge proprio nel cuore della Provenza, attorno al castello fortificato risalente al 1430, su uno sperone roccioso lungo il corso del fiume Loup, poche decine di km a nord-ovest di Nizza e una manciata di km a ovest di un altro meraviglioso borgo provenzale: Saint Paul de Vence. Con Saint Paul condivide il mood artistico, con le tante gallerie d’arte che spuntano dai suoi vicoli, l’umanità particolare che la frequenta e gli artisti che ne hanno fatto la loro casa.

Il castello di Torrette-sur-Loup
Il castello di Tourrettes-sur-Loup
Tourrettes-sur-Loup borgo Provenza
Le rocce su cui sorge il borgo

Come in ogni borgo provenzale che si rispetti tutto è curatissimo e delizioso, senza per questo sembrare artefatto. Tra vicoletti antichi e improvvise aperture panoramiche sull’infinito verde circostante, il borgo di Tourrettes-sur-Loup è davvero suggestivo.
La violetta naturalmente è il tema del paese: in ogni negozio troverete artigianato, profumi e saponette a tema, che se come me amate il genere vi faranno felici 🙂


Tourrettes-sur-Loup Provenza
Tourrettes-sur-Loup Provenza

La festa delle violette a Tourrettes-sur-Loup

Se volete vedere il borgo di Tourrettes-sur-Loup nel momento del suo massimo splendore dovete andarci tra fine febbraio e inizio marzo, quando si svolge l’annuale “Festa delle violette” e il profumo di questo fiabesco fiore invade tutto il paese. La Festa, che si svolge dal 1952, chiude la stagione della coltivazione della violetta e celebra l’avvicinarsi della primavera.
Mi raccomando informatevi sulle date della festa se volete andarci, perché i giorni esatti variano di anno in anno, pur rimanendo costante il periodo.

Tourrettes-sur-Loup viola
Settembre non è il mese delle violette ma il viola non manca a Tourrettes! 🙂

Profumi provenzali

La cosa bella della Provenza, quella che – purtroppo o per fortuna – ancora non si può immortalare in una foto o condividere con un video, sono i profumi, gli odori. Passeggiare nei borghi provenzali vuol dire immergersi in un microcosmo in cui niente è lasciato al caso eppure tutto è deliziosamente autentico: dal profumo della quiche appena infornata a quello dei fiori che costellano le strade, fino agli aromi deliziosi di saponette e oli essenziali in vendita nelle botteghe artigianali.

Souvenir provenzali
I miei acquisti al profumo di viole e lavanda 🙂

Il gelato alla violetta

A Tourrettes dovrete assaggiare per forza il gelato alla violetta: qualcuno dirà che sembra di mangiare una saponetta, ma non ascoltatelo, è divino!

Gelato alla violetta
Gelato alla violetta con il fiore cristallizzato della gelateria Tom’s

Mentre passeggiavo nel borgo, scattavo fotografie a manetta e degustavo il buonissimo gelato della gelateria Tom’s (35 Grand Rue) non potevo non pensare all’ultimo libro di Andrea De Carlo, “L’imperfetta meraviglia”, ambientato proprio in un paesino della Provenza con protagonista una rockstar che ha trovato in Provenza il suo buen retiro e una gelataia italiana alla ricerca del gelato perfetto (…ma la meraviglia è sempre imperfetta).

Andrea, confessa, è stato Tourrettes a ispirarti vero?

"L'imperfetta meraviglia" di Andrea De Carlo
Il romanzo “L’imperfetta meraviglia” di Andrea De Carlo, ambientato in un paesino della Provenza

Related Posts

Provenza incantata: l’Abbazia di Senanque, Gordes e Roussillon

Provenza incantata: l’Abbazia di Senanque, Gordes e Roussillon

C’è un luogo incantato nel cuore della Provenza, dove l’esperienza della lavanda in fiore è ancora più magica: questo luogo è l’Abbazia di Senanque, a pochi chilometri dal borgo di Gordes. Se avete in programma un tour della lavanda in Provenza non potete non inserire Senanque […]

Marsiglia: cosa vedere in un giorno nel capoluogo della Provenza

Marsiglia: cosa vedere in un giorno nel capoluogo della Provenza

Amo alla follia il Sud della Francia. E’ uno di quei luoghi dove non mi stanco mai di tornare, luoghi che più conosci e più ti accorgi che non finiresti mai di scoprirli: ci sono sempre nuove angolature, nuove prospettive, nuovi spunti. C’è tanto nel […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *