La mia esperienza a Cuba [diario di viaggio parte 2: Havana]

La mia esperienza a Cuba [diario di viaggio parte 2: Havana]

Capitolio, Piazza della Rivoluzione e Museo della Rivoluzione

Prosegue il mio diario di viaggio a Cuba (se vi siete persi la prima parte potete leggerla qua).

Giorno 2.
Per ribadire la fortuna che ci stavamo portando dietro dal Messico, la mattina del nostro secondo giorno all’Havana c’è stata una grande pioggia, tant’è che ci siamo anche un po’ spaventati. Ci siamo dovuti rifugiare al bar dell’hotel Melia Cohiba a guardare la tempesta dalle enormi vetrate, cercando di navigare un po’ su internet, con mille difficoltà, e guardando l’acqua che filtrava dai vetri e dal tetto creando preoccupanti pozze all’interno dell’edificio.

Quando la tempesta è un po’ diminuita ci siamo decisi a prendere un bus (Habana Bus Tour) che ci ha fatto fare un giro partendo dal Vedado, passando per Havana Centro fino ad arrivare ad Havana Vieja.

Nel tragitto abbiamo visto il Capitolio Nacional: quest’edificio in stile neoclassico e decori Art déco risale al 1929 e si chiama così  per la sua somiglianza con il Campidoglio di Washington. Originariamente sede del Congresso di Cuba, oggi ospita l’Accademia Cubana delle Scienze e la Biblioteca Nazionale delle Scienze e della Tecnologia. Purtroppo non sono riuscita a fotografarlo dal bus!

Abbiamo visto anche Piazza della Rivoluzione (Plaza de la Revolución), la famosa piazza con i due edifici che riportano i volti di Che Guevara e Camilo Cienfuegos. La piazza ospita anche il memoriale a José Martí (eroe nazionale a cui è dedicato anche l’aeroporto de l’Havana), composto da una torre su cui si può salire e la statua di José Martí.

Che Guevara Plaza de la Revolucion
L’immagine di Che Guevara in Plaza de la Revolucion

Ci siamo infine fermati al Museo della Rivoluzione (Museo de la Revolución), che abbiamo visitato e che consiglio per prendere coscienza della storia di Cuba e di tutti i suoi protagonisti. Il Museo è ospitato nell’ex Palazzo Presidenziale di Fulgencio Batista, edificio risalente al 1919.

Museo de la Revolucion Havana
L’ingresso del Museo de la Revolucion

Finalmente, Havana Vieja

Finalmente siamo arrivati ad Havana Vieja con il cielo grigissimo e le strade bagnate di pioggia. Ci siamo resi subito conto che esplorare la zona con il poco tempo che avevamo a disposizione, l’assenza di Internet e di indicazioni stradali era tutt’altro che facile, e abbiamo trovato il nostro angelo custode a bordo di un tuc-tuc, una di quelle biciclette coperte a tre ruote con il sedile per i passeggeri dietro. Il nostro angelo custode si chiamava Ivan (sì, molti cubani hanno nomi russi), un’età indefinibile che abbiamo scoperto essere di 44 anni, i denti incisivi assenti e una struttura osseo-muscolare da Pantani dei tempi d’oro. Ivan ci ha letteralmente preso in consegna, accompagnandoci alla scoperta di Havana Vieja.

Tuc tuc Havana Vieja
Tuc tuc per le strade di Havana Vieja

Abbiamo fatto una tappa superveloce al caffè Floridita, all’angolo tra Calle Obispo e Monserrate (Calle Obispo è una delle vie più importanti di Havana Vieja, con tanti caffè, locali e negozi). El Floridita era, insieme alla Bodeguita del Medio, uno dei locali preferiti dello scrittore Ernest Hemingway, figura legata a doppio filo a Cuba.
Oggi il Floridita è super turistico (e caro), letteralmente invaso da persone che si fanno foto di rito sorseggiando il suo famoso daiquiri (Hemingway amava bere il daiquiri al Floridita e il mojito alla Bodeguita del Medio).

Busto Hemingway Floridita
Il busto di Hemingway al Floridita
Calle Obispo Havana
Calle Obispo

Anche La Bodeguita del Medio è diventato un luogo super turistico, ma è una tappa obbligata ad Havana Vieja, se non altro per fare qualche foto ai personaggi particolari che vi gravitano intorno!

Calle Empedrado Bodeguita del Medio
Scorcio di Calle Empedrado, dove si trova la Bodeguita del Medio
Bodeguita del Medio interno
L’interno della Bodeguita del Medio
Cubano con sigaro Bodeguita del Medio
Personaggi di fronte alla Bodeguita del Medio 🙂

Lì vicino c’è anche l’hotel Ambos Mundus, inconfondibile con la sua facciata color rosa antico e famoso perché fu la casa di Hemingway per diversi anni negli anni ’30.

Hotel Ambos Mundus Havana
L’Hotel Ambos Mundus

Per pranzo (un pranzo molto posticipato visto che la giornata era iniziata con notevole ritardo)  siamo stati in un posto consigliato da Ivan, dove abbiamo mangiato aragosta (a prezzo stracciato!), riso e platano fritto, le chips tipiche di banana, poi abbiamo proseguito sempre con Ivan alla scoperta del resto di Havana Vieja.

Quattro piazze principali

Havana Vieja ha quattro piazze principali.
La più famosa è senz’altro la splendida Plaza de la Catedral, che ospita la magnifica Cattedrale dell’Havana (Catedral de La Habana), massimo esempio del barocco cubano, la cui costruzione venne ultimata nel 1777.

Cattedrale Havana
La Cattedrale dell’Havana
Plaza de la Catedral Havana
Plaza de la Catedral
Donna Plaza de la Catedral
Una signora super colorata in Plaza de la Catedral

Proseguendo verso sud si arriva a Plaza de Armas, la piazza più antica risalente al 1520 (pochi anni dopo la fondazione della città). Plaza de Armas è famosa anche per un mercatino di libri usati e oggettistica che vi si svolge tutti i giorni eccetto la domenica.

Plaza de Armas Havana
Plaza de Armas

La terza piazza principale di Havana Vieja, nei pressi del porto, è Plaza Francesco de Asis, con la Basilica di San Francesco di Assisi risalente al 1591. Affacciata sulla piazza si trova anche la Lonja del Comercio mentre al centro c’è la Fuente de los Leones, scolpita in marmo di Carrara dal nostro Giuseppe Gaggini nel 1836.

Infine, vicina a Plaza Francesco de Asis  si trova Plaza Vieja, una delle piazze più vivaci della città vecchia, circondata da edifici coloniali.

Plaza Vieja Havana notturna
Plaza Vieja in notturna

Legendarios del Guajirito

La sera stessa siamo andati direttamente a vedere uno spettacolo a El Guajirito (Legendarios del Guajirito) con le musiche e alcuni degli artisti del Buena Vista Social Club, sempre grazie a Ivan: sì, ok, lo abbiamo ricompensato con laute mance, come il nostro amico messicano, e sì ok, ha le percentuali sui posti dove porta i turisti (claro!), ma la disponibilità che ci ha mostrato (lui come tutti gli altri cubani con cui ci siamo interfacciati), va ben oltre: ci ha accompagnato in cerca di una banca, in cerca di internet, insomma, senza di lui quel giorno saremmo stati persi!

Legendarios del Guajirito Havana
La mitica performer protagonista del Legendarios del Guajirito
Cantante Legendarios de Guajirito Havana
Un altro artista del Legendarios de Guajirito

Sicuramente un’esperienza un po’ turistica, ma dovevamo ottimizzare i tempi e con quello sapevamo che saremmo andati sul sicuro. La cena, come in ogni posto dove la cena accompagna lo spettacolo, era di qualità medio-bassa, però lo spettacolo è valso veramente la pena, e le note di Guantanamera ti rimangono in testa per giorni e giorni.

Giorno 3

La mattina successiva purtroppo dovevamo già partire alla volta di Varadero.

Prima però siamo andati a visitare il Callejón de Hamel, un luogo particolarissimo ad Havana Centro, cuore della cultura africana a Cuba, dove ogni domenica alle 12 ci si riunisce per celebrare i riti della Santeria e danzare la rumba.

Ingresso Callejon de Hamel
Ingresso del Callejon de Hamel
Colori Callejon de Hamel Havana
I colori del Callejon de Hamel

Edifici Callejon de Hamel Havana

Piccolo Principe Callejon de Hamel Havana
Ispirazioni dal Piccolo Principe

È una strada voluta e realizzata dal pittore Salvador González, che l’ha interamente decorata con murales e sculture afrocubani, intrisi di folklore e spiritualità. Le etnie africane arrivarono a Cuba in schiavitù ma nonostante tutto sono riuscite ad integrarsi nella comunità cubana.

Murales giallo Callejon de Hamel
Murales al Callejon de Hamel
Bar Callejon de Hamel
Il bar all’interno del Callejon de Hamel
Santeria Callejon de Hamel Havana
Rappresentazioni ispirate alla Santeria

 

[Prosegue nel prossimo post]


Related Posts

La mia esperienza a Cuba [diario di viaggio parte 1]

La mia esperienza a Cuba [diario di viaggio parte 1]

Premessa: un po’ di cose random Ci ho messo molto tempo per arrivare a scrivere questo post su Cuba e so anche perché. E’ la mia consueta ansia da prestazione che si traduce in: procrastinare fino al limite possibile tutto ciò che mi spaventa perché […]

La mia esperienza a Cuba [diario di viaggio parte 3: Varadero e Matanzas]

La mia esperienza a Cuba [diario di viaggio parte 3: Varadero e Matanzas]

Dopo avervi raccontato le vicissitudini di viaggio per arrivare a Cuba e le meraviglie dell’Havana, in questo terzo post ci spostiamo verso Varadero. Il nostro amico Ivan ci aveva messo in contatto con un tassista suo amico che ci avrebbe accompagnati a Varadero e così abbiamo […]



2 thoughts on “La mia esperienza a Cuba [diario di viaggio parte 2: Havana]”

  • Bellissimo articolo! Si sente che ci hai messo il cuore a scriverlo! Ho adorato anche le foto, che ben rendono l’idea di quella quotidianità che di solito cerco nei miei viaggi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *