24 ore a Panarea, la perla delle Eolie

24 ore a Panarea, la perla delle Eolie

Se ci pensate, c’è questa cosa curiosa: il fatto di partire per un’isola da un’isola.
Andare alle Eolie è anche questo.
La Sicilia, che pure è un’isola, è la terra ferma per questo affascinante arcipelago, che si trova a nord di Milazzo e Messina, in quello che è a tutti gli effetti il Mar Tirreno.

Il mare di Panarea

Un’isola per ogni occasione

Tra le molte ragioni per le quali le Isole Eolie si fanno amare c’è il loro essere variegate e adatte a declinarsi in tante tipologie di vacanza: per chi ama la natura selvaggia ci sono Alicudi, Filicudi, Stromboli e Vulcano, per chi cerca un ritorno alla natura tra il selvaggio e il radical chic c’è Salina, per chi ama la mondanità e l’esclusività la meta giusta è Panarea, e per chi invece vuole un buon compromesso tra tutto c’è Lipari, l’isola più grande di tutto l’arcipelago.

Isole Eolie in barca

La vacanza ideale alle Eolie prevede la possibilità di girarle in barca: non tanto perché faccia figo, quanto perché oggettivamente questo è il modo migliore per godere del mare e soprattutto per spostarsi liberamente da un’isola all’altra, senza dover sottostare agli orari di traghetti e aliscafi, che comunque hanno corse frequenti ed efficienti. Panarea, in particolare, è la meta ideale per una toccata e fuga di un giorno se si arriva in barca e di una notte se si sceglie di pernottare sull’isola, come abbiamo fatto noi in quest’occasione.

Finestra sul mare di Panarea
Finestra sul mare di Panarea

 

Welcome to Panarea

L’aliscafo Liberty Lines da Milazzo a Panarea impiega circa un’ora e mezzo, passando da Lipari.
L’arrivo sull’isola è suggestivo: il piccolo porticciolo è lambito da una spiaggetta di ciottoli e vi si affacciano localini e negozietti. Dietro, si può ammirare ciò che caratterizza l’isola: l’abitato bianco e dai tetti piatti, cosi tipico e inconfondibile.

Il porticciolo di Panarea
Il porticciolo di Panarea

La maggior parte di hotel e b&b sono raggiungibili in una media di due minuti a piedi dal porto, e in alcuni casi gli hotel mettono a disposizione macchinette elettriche che trasportano i turisti e i bagagli direttamente sul posto. Chi vuole il lusso a Panarea lo trova con facilità, ma ci sono anche molte strutture di livello medio-alto che offrono prezzi accessibili, soprattutto in periodi di bassa stagione.
Settembre, insieme a maggio e giugno, è uno dei mesi migliori per visitare in tranquillità le Isole Eolie, in particolare la piccola e ambitissima Panarea, sfuggendo dal caos dei mesi clou dell’estate.

Scorci di Panarea
Scorci di Panarea

Alla scoperta dell’isola: Zimmari, Cala Junco e Punta Milazzese

Panarea si scopre a piedi, passeggiando tra le sue stradine curatissime, con vegetazione e fiori a contrasto col bianco degli edifici che fanno venire voglia di scattare fotografie a ogni passo.

Porta blu Panarea
Le spiagge accessibili dell’isola sono due: Zimmari e Cala Junco. Entrambe sono raggiungibili a piedi dal centro di Panarea, camminando lungo un percorso suggestivo in cui è divertente ammirare la fantasia con cui sono curate e nominate le case e le ville circostanti (cosa ne pensate della “casa del fuggiasco”?).

Porta verde Panarea

Se però volete risparmiarvi una camminata che dura circa mezzora per Zimmari e 45 -60 minuti per Cala Junco, potete usufruire di un “taxi”: i prezzi sono abbordabili, soprattutto in bassa stagione, ed è un’esperienza divertente. Si tratta di macchinette elettriche aperte a quattro ruote, simili a quelle che si usano sui campi da golf, che ti fanno fare anche il giro dell’isola. Si ha così la possibilità di ammirare punti panoramici pazzeschi, come quello all’altezza della spiaggia della Caldara, da cui si vedono Stromboli, Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianca e Lisca Nera.

Vista su Vulcano da Panarea
Vista su Vulcano

La spiaggia di Zimmari è perfetta per chi ama la sabbia, mentre Cala Junco è una spiaggia di grossi ciottoli. Il taxi si ferma a Zimmari, per Cala Junco bisogna proseguire a piedi attraversando Zimmari e un altro pezzo di percorso panoramico, tra natura e mare.

Vista sulla spiaggia di Zimmari
Vista sulla spiaggia di Zimmari
Indicazioni sul percorso verso Punta Milazzese e Cala Junco
Indicazioni sul percorso verso Punta Milazzese e Cala Junco

Si giunge cosi a Punta Milazzese, dove sorge il villaggio archeologico di Panarea, separato dall’isola da un corridoio di terra: si tratta di un villaggio preistorico che risale all’Età del Bronzo (XIV secolo a.C.), dove si vedono i resti delle 23 capanne preistoriche che lo costituivano, mentre i reperti emersi dagli scavi sono esposti nel Museo Archeologico Eoliano di Lipari.

Punta Milazzese Panarea
Punta Milazzese e il villaggio archeologico

A sinistra di Punta Milazzese troverete Cala del Morto, spiaggia accessibile solo via mare, mentre a destra, finalmente, la bellissima Cala Junco.

Cala del Morto Panarea
Cala del Morto
Cala Junco spiaggia
Cala Junco
Cala Junco Panarea
L’acqua limpida di Cala Junco

Nel percorso che porta verso Cala Junco rimarrete colpiti da una villa con un incredibile giardino interamente pieno di cactus, disposti su muretti a differenti livelli: si dice che siano ben 5000 cactus, solo all’esterno della villa!

Villa coi cactus Panarea

Shopping esotico alla boutique Raia

Al ritorno verso il paese, lasciatevi incuriosire dalle boutique dell’isola: merita una visita anche solo per l’atmosfera la boutique Raia, con al piano inferiore pezzi d’arredamento incredibili provenienti dall’Indonesia (con altrettanto incredibili prezzi!), e al piano superiore abbigliamento e accessori a marchio proprio ma realizzati in Indonesia, in seta batik e chiffon.

Teatro delle ombre boutique Raia
Un teatro delle ombre in vendita nella boutique Raia
Arte orientale nella boutique Raia
Pezzi d’arte orientale
Boutique Raia abbigliamento
Boutique Raia abbigliamento

Per tutto il resto, vale il concetto che a Panarea i prezzi sono triplicati. In particolare non fatevi venire l’idea romantica di acquistare ceramica di Caltagirone (che troverete nei negozi): per quella, l’entroterra siciliano è il posto migliore dove comprare!

Aperitivo al tramonto di Panarea

Al tramonto, godetevi un aperitivo al Raia: la dolce vita dell’isola abita qui, anche in bassa stagione, e la terrazza panoramica con vista su Stromboli ha dell’incredibile.

Per cena invece potete affidarvi a TripAdvisor, che saprà darvi indicazioni utili, oppure andare diretti nel mio ristorante preferito: l’Hycesia, aperto da giugno per tutta la stagione estiva.

Terrazza del Raia

Tramonto Panarea


Related Posts

Piazza Armerina e le sue cento chiese

Piazza Armerina e le sue cento chiese

Rate this post La città dei mosaici della Villa Romana del Casale Come promesso, dopo il post su Aidone torno a raccontarvi l’entroterra siciliano. Ci spostiamo di pochi chilometri, sempre in provincia di Enna, e questa volta andiamo a Piazza Armerina, conosciuta come la “Città […]

Il giro della Sicilia in 82 piazze con “Sicilia in Piazza” di Armando Rotoletti

Il giro della Sicilia in 82 piazze con “Sicilia in Piazza” di Armando Rotoletti

Rate this post Ottantadue piazze siciliane: da est a ovest, da nord a sud dell’isola, di città importanti e centri meno noti, da Catania a Palermo, da Lipari a Marzamemi, da Piazza Armerina a Favignana. Sono loro le protagoniste di “Sicilia in piazza- Striking piazzas […]



4 thoughts on “24 ore a Panarea, la perla delle Eolie”

  • Che meraviglia!!! Non vedo l’ora di fare un viaggio in Sicilia (una delle poche regioni che non ho mai visitato) e Panarea rientrerà sicuramente nell’itinerario!! Bellissime foto!

  • Meravigliosa! Da anni ci andiamo ogni anno minimo una volta.. viverla per credere che perla unica ché!!! X me x noi il paradiso! ❤️

    • Ciao Dany, è davvero un paradiso, soprattutto nei periodi di bassa stagione quando non ci sono troppi turisti 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *